Un nuovo concetto di Salute

Il nuovo concetto di salute, sviluppatosi negli ultimi anni, porta a considerare il benessere della persona in modo più ampio rispetto al passato, facendo emergere con forza la necessità di adottare un modello complesso che tenga conto sia dell’organismo in tutte le sue componenti, che dell’ambiente in cui esso vive.

 

Da questa visione nasce la crescente sensibilità e attenzione per l’ambiente del network Apoteca Natura e l’idea di una collaborazione con ISDE Italia – Associazione Medici per l’Ambiente - su una campagna di prevenzione dei rischi ambientali.

Il nostro stato di Benessere, infatti, è continuamente “messo a rischio” da una serie di fattori perturbanti, interni ed esterni, che tendono ad allontanare l’organismo da una condizione di equilibrio (omeostasi).

 

In quest’ottica, per il mantenimento del benessere e il sollievo in molte patologie, il Naturale costituisce la migliore risposta, in quanto i rimedi che nascono in Natura si sono co-evoluti con l’uomo e sono in grado di interagire con il nostro organismo in modo fisiologico. È sempre più diffusa la coscienza di come la salute, la sicurezza e la sopravvivenza umana siano indissolubilmente legate alle condizioni ambientali.
È paradossale che la tecnologia moderna, che ha dimostrato di poterci difendere da molti pericoli naturali, si stia trasformando in una grave minaccia per l’ambiente e per la salute umana.
 

Il concetto di inquinamento e i suoi effetti sulla salute

Quando si parla di inquinamento si tende a pensare a luoghi e situazioni nelle quali la concentrazione di sostanze inquinanti è particolarmente alta.

L’inquinamento è infatti ormai un problema che coinvolge tutti e soprattutto gli organismi in via di sviluppo (i bambini, ma ancor più l’embrione e il feto) in quanto particolarmente vulnerabili e rappresenta una minaccia anche per le generazioni future.

Di molte sostanze inquinanti non si conoscono ancora i limiti reali di tossicità e tollerabilità. Anche l’esposizione protratta a quantità minime, infatti, può alterare progressivamente il funzionamento di cellule, tessuti e organi, interferendo essenzialmente con l’espressione del DNA.

Oggi assistiamo infatti ad una rapida e progressiva trasformazione della composizione molecolare dell’ecosfera e, in particolare, alla rapida produzione e diffusione di inquinanti atmosferici (particolato ultrane, metalli pesanti, radiazioni, ecc..).